Paradiso
martedì 17 luglio 2018

“Piacevoli storie in tempo di peste” (omaggio al Decameron di Boccaccio)

 Sabato 31 maggio gli alunni della classe II A insieme alla loro insegnante di lettere, prof.ssa  Gisella Camponogara hanno presentato ai compagni delle classi parallele e ai genitori il loro laboratorio teatrale.

“ Divertenti storie in tempo di peste” è una commedia brillante tratta dal “ Decameron “ di Boccaccio, che i ragazzi hanno avuto modo di conoscere ed apprezzare quest'anno attraverso lo studio della letteratura italiana.

Si è cercato con il teatro di attualizzare autori e testi lontani da noi nel tempo per fornire loro  spunti di riflessione sui grandi temi dell'uomo: il valore della vita, la morte,  il bisogno dell'uomo di esorcizzazione la paura della morte.

E' stato un lavoro impegnativo: dalla stesura della sceneggiatura alle prove di recitazione , dalla realizzazione delle coreografie alle prove di ballo ,

segno che quando i ragazzi vengono coinvolti , stimolati e resi protagonisti hanno sempre grandi risorse e qualità umane da mettere a disposizione.

Siamo nel 1348 e  a Firenze infuria la peste, in città tutto è lamento e lutto, con la popolazione decimata dal morbo e migliaia di cadaveri insepolti per strada. E' proprio in questo contesto che nasce il piacere della vita, la necessità di raccontare ai sopravvissuti delle storie divertenti. Boccaccio ci insegna che fino a quando qualcuno continuerà a “raccontare”, mentre intorno si scatena l'apocalisse, il mondo continuerà ad esistere.

Vedi le altre foto

Calandrino è il personaggio più comico della commedia, è un uomo sciocco, presuntuoso e credulone che pensa  di essere molto furbo e per questo sarà la vittima delle burle e delle beffe di tanti personaggi.

Come vedete, a scuola non si studia soltanto!!

 

 

 

Enkel - Due Metri